Collane

Sotto la lente

Raccoglie testimonianze e reportage su popoli che vivono in aree critiche del pianeta, in regioni, normalmente dimenticate dai media, devastate da conflitti o immerse in situazioni socioeconomiche lesive della dignità. 

Romanzi Storici

L'intento della collana è quello di analizzare attraverso la narrativa, il romanzo per essere precisi, un'era fondamentale della storia dell'uomo: l'epoca moderna e quella contemporanea. Due grandi epoche storiche che rappresentano una fase lunga secoli, attraversata da conquiste filosofiche e scientifiche, sociali e di genere, ma anche da conflitti che hanno inciso profondamente il senso dell’attualità, il mondo contemporaneo, le evoluzioni del pensiero sia in senso etico che razionalistico.  

I Melograni

Collana di narrativa sociale contemporanea. Spesso con disincanto, ironia e sfacciataggine tratta di tempi quali l'immigrazione, lo sfruttamento, l'emarginazione...

 

FREGOLE e TRIESTINITA'

Tutto il mondo di Trieste, dalla Grammatica del dialetto agli albi illustrati! 

Piccole briciole di pane ci riportano a casa, verso luoghi familiari e antichi sapori. Le fiabe classiche tradotte, rivisitate e ambientate nella bella città di Trieste. 

Lettere al mio vicino serbo

Lettere al mio vicino serbo

Autore: Gani Azemi
Collana: Sotto la lente
Prezzo: 15.00 €   (Spedizione gratuita)
Aggiungi al carrello | Vai al carrello | Vai alla cassa

Ispirandosi alle "Lettere ad un amico tedesco" scritte da Albert Camus durante la seconda guerra mondiale, Gani Azemi aspira anch'egli a costruire un ponte epistolare con il vicino divenuto nemico. A fungere da sfondo, in quest'occasione, è la dissoluzione della Jugoslavia e, più precisamente, la questione del Kosovo. Azemi, albanese in esilio, si rivolge ad un vicino di casa serbo divenuto, nel corso degli anni, un intellettuale vicino al regime di Milosević. Attraverso ventisette lettere scritte tra il novembre 1989 ed il 17 febbraio 2008, data dell'indipendenza del Kosovo, Gani Azemi pone il proprio interlocutore di fronte alle sue responsabilità, sottolineando quanto il silenzio possa rappresentare una colpa ancor più grave delle parole, e racconta, tramite una scrittura sobria e decisa, i propri sentimenti, una miscela di collera, dolore e desiderio di giustizia, dinanzi all'oppressione di cui è vittima il suo popolo. Acuto narratore delle questioni balcaniche, con questo libro Gani Azemi desidera omaggiare l'eroismo di chi ha pagato con la propria vita la scelta di opporsi al potere di Milosević e si propone di stimolare il dibattito sulle missioni militari umanitarie raccontandole dal punto di vista della popolazione da proteggere.

 

Traduzione di Marco Cesario

Scarica un estratto dell'intervista all'autore 

Comunicato stampa